IL REAL ESTATE NELLA CONSULENZA PATRIMONIALE

 

La consulenza patrimoniale non può  limitarsi ai soli asset finanziari, ma dovrebbe comprendere complessivamente tutti gli asset patrimoniali come l’impresa, la protezione della famiglia, il passaggio generazionale e le proprietà immobiliari, si, gli immobili! Le famiglie italiane da sempre hanno visto nella casa l’investimento rifugio per eccellenza: Il mattone fa parte della nostra cultura economica: il 70% degli italiani risulta proprietario di immobili; un dato che confrontato con il 60% di Francia e Regno Unito, il 50% della Germania e il 40% della Svizzera dimostra quanto sia ancora radicata nel nostro Paese l’aspettativa dell’immobile come investimento sicuro. Escludere questo asset dalle considerazioni gestionali di portafoglio costituisce quindi un errore imperdonabile, tanto più che l’eccesso di offerta e la stasi della domanda, oltre che la crisi del credito dell’ultimo decennio hanno determinato il restringimento del mercato immobiliare in maniera notevole. Questo stato delle cose, richiede una gestione strategica dell’asset immobiliare che, al pari di quello finanziario, necessita di una attenta valutazione dei costi, dei benefici, e delle criticità, in modo da poter decidere quali scelte operare; un atteggiamento in netta rottura di continuità con quello storico in base al quale le proprietà immobiliari venivano acquistate e mantenute nel tempo, per essere trasmesse alle nuove generazioni.

 

 

In realtà il mattone ha smesso di costituire il fulcro della ricchezza, almeno nella misura in cui gli immobili – tranne alcune eccezioni – hanno perso  la loro funzione di bene rifugio che avevano in passato; oggi vanno sempre più assumendo quella di bene d’uso il cui valore di mercato, salvo eccezioni, è destinato a diminuire. La gestione di questi beni dovrebbe seguire quindi una strategia focalizzata sulla redditività; tanto più che il settore è esposto a importanti ricadute fiscali conseguenti a possibili future manovre governative, cosa che rende ancor più evidente l’importanza di gestire il patrimonio secondo un’ottica di pianificazione.